Mia cugina la mia migliore amica

Ciao a tutti mi chiamo Chiara e ho 18 anni e sono di Rimini, innanzitutto complimenti per il sito, l’ho scoperto da un paio di mesetti e devo dire che è fatto veramente bene.Comunque non sono qui per tessere le lodi di questo sito in realtà voglio raccontarvi questa “fantastica” ma sicuramente insolita storia che mi è capitata questa estate a mare.
Sono andata a mare come tutti gli anni in un villaggio la cosa diversa è che quest’anno non sono andata con i miei ma con i miei zii e quindi anche con mia cugina,che ha un anno in meno di me e con la quale sono molto amica, quasi fosse una sorella. Le serate a mare trascorrevano tranquille perchè c’era l’animazione e li la compagnia di ragazzi con cui avevamo legato era davvero ottima, poi si sa a mare si è sempre un pò più disinibiti e almeno mia cugina si fece un paio di storie con uno dei ragazzi dell’animazione, la cosa non mi dispiaceva più di tanto se non per il fatto che puntualmente rimanevo da sola con gli altri ragazzi del villaggio, non che mi dispiacesse però dopo la prima settimana molti di loro andarono via e quindi io mentre mia cugina Laura si divertiva con il suo caro “amante marino” io ero costretta a rimanere li intorno o peggio con i miei zii. Gli zii non facevano ne problemi di orari ne altro e sotto questo punto di vista erano tranquilli proprio, l’unica cosa è che se io stavo con loro cosa gli raccontavo su dove fosse la loro “angelica” figlioletta? Comunque dopo la prima settimana e mia cugina che ancora continua con le storie con st’animatore mi inizia a raccontare cosa fanno o cosa non fanno, anche perchè mi piaceva curiosare nelle sue emozioni, così la sera quando ci ritiravamo parlavamo.
“Laura ma mi racconti quello che fate o che non fate tu e Giuseppe?” gli chiesi io e lei “perchè?” “e dai dimmelo tanto quello che hai fatto tu l’avrò fatto anche io, sono un anno più grande di te e poi io sono stata fidanzata 6 mesi con un ragazzo”.Alla fine riesco a strapparle delle parole e mi dice che di solito se ne andavano nella parte dove stanno le giostre visto che verso l’una di notte non c’è proprio nessuno e li mi ha raccontato come limonano, le mani di lui e di lei fino a dove si spingono e mi ha raccontato che è arrivata a farsi anche succhiare i capezzoli. La cosa non è che mi faceva rabbia ma un pò di invidia si però anche perchè eravamo in discussione sul fatto che Giuseppe sarebbe uscito con lei e non con me.
Ma le giornate li passavano tranquille e sopratutto velocemente, una sera stanca di farmi due palle aspettando attorno al parco giochi stavo per andare a chiamarla quando mi avvicino al parco sento una voce che ansima e saremo stati al massimo ad un metro di distanza poichè c’erano le siepi a dividere i nostri corpi, allora presa dalla curiosità rimango li e ascolto tutto, mi faccio un pò più in la per cercare anche di vedere cosa stessero facendo visto che ansimavano un pò e scorgo solo un paio di piedini nudi avvolti dalle mani dell’animatore, si stava facendo fare una sega con i piedi di mia cugina,assurdo. Resto ancora un pò li nei paraggi e poi me ne torno a casa con mia cugina. All’inizio non volevo che lei venisse a sapere che li avevo spiati ma dopo circa 3 mesi di astinenza su questo argomento ero abbastanza eccitata e iniziai a parlare ma non in modo diretto, bensì facendole dei complimenti su come fosse cambiata negli ultimi tempi, come fosse diventata bella. Lei la vidi un pò arrossire ma ringraziò così introdussi un altro argomento, le parti che gli uomini più amano in una donna e iniziammo a parlare di tutto il possibile arrivando ovviamente dove io volevo “i piedi”. Quando facemmo il paragone con i nostri due piedi, che erano quasi simili, io le presi un piede in mano e massaggiai dolcemente la pianta senza sapere nemmeno come poi lei fece lo stesso con i miei e così ci trovammo una di fronte all’altra, ribadisco che io e mia cugina siamo praticamente come sorelle in quanto la prima volta che ci siamo masturbate eravamo assieme e non c’è niente che io non sappia di lei e viceversa. Poi mostrai le mie carte allora gli raccontai che li avevo spiati ma senza malizia, lei un pò risentita non lo diede tanto a vedere ma continuò con il massaggio, allora continuando per quella strada le ho chiesto se fosse stato bello e se avesse provato piacere perchè non ci vedevo molto di eccitante in una sega fatta con i piedi. Lei mi rispose che per lei è stata una cosa abbastanza nuova nel senso che quando si masturbava a casa con una mano si massaggiava anche i piedi e quindi l’uso dei piedi è stata una cosa che forse dava per scontato in un rapporto con un uomo. Io intanto mi ero fatta abbastanza rossa e così anche mia cugina allora per scherzare con il piede che avevo ancora libero allungai la gamba e gli toccai la fighetta, lei fece lo stesso con me e continuando un pò così lei mi chiese così a bruciapelo se volessimo massaggiarci un pò le fighette. A questo punto io dissi “Ok” tanto c’eravamo toccate un sacco di volte assieme ma il bello è che lei non intendeva ognuno la sua ma il contrario, io toccavo lei e lei me. Presa da un rossore improvviso non parlai nemmeno perchè viddi la mano di mia cugina allungarsi tra le mie gambe e così feci anche io. Penso che mia cugina potesse lavarsi le mani per quando fossi bagnata e anche lei non scherzava, intanto cominciai a fare delle piccole carezze da sotto gli slip di mia cugina mentre lei già stava con un l’indice nel mio solco, la cosa di faceva molto eccitante, c’era nell’aria una tale eccitazione. Dopo un pò che andava avanti questa cosa mia cugina si staccò con la sua mano e dovetti anche io fare lo stesso ora era davanti a me con un piede che si allungava verso le mie gambe io mi tolsi il perizoma e Laura fece lo stesso con il suo slip. Capì che cosa avesse intenzione di fare e feci la stessa cosa come uno specchio, sentivo il suo alluce premere sul solco e le altre piccole dita del piede che toccavano come tanti piccoli tentacoli ogni centimetro della mia fica, era bellissimo e il bello era che anche mia cugina stava provande le mie stesse sensazioni a giudicare dagli occhi chiusi e la testas all’indietro. Siamo andate avanti così per una buona mezz’ora dopodichè non che la feci più e assaltai letteralmente mia cugina allargandogli non con molta forza le gambe e mi ci fiondai con la lingua. Era praticamente zuppa di umori profumatissimi che mi facevano impazzire ancora di più. Quando venne lanciò un piccolo urletto di piacere e io che non mi staccavo piena di umori leccando l’impossibile per quanto fossi eccitata. Dopo poco si riprese dal suo orgasmo e mi fece girare per fare un bellissimo 69 dalla quale non ci scollammo prima di un oretta buona.
La mattina dopo quando ci svegliammo ancora con quel sapore in bocca l’una dell’altra ci guardammo con uno sguardo che non era di complicità, era qualcosa di più.